Come coprire i capelli bianchi con il biondo grazie al Degradé

Degradé Joelle

Come coprire i capelli bianchi con il biondo grazie al Degradé

arrow-down

Coprire i capelli bianchi è un problema che nella vita di ogni donna (prima o poi) bisogna affrontare. La loro nascita dipende da tanti fattori: il DNA è il principale responsabile ma l’esposizione al sole, lo stress, l’ansia possono dare il loro contributo. La comparsa dei capelli bianchi è un fenomeno quindi del tutto naturale ma accettare l’invecchiamento è sempre difficile. 

Molte donne decidono di coprire i capelli bianchi con il biondo. Ci sono tantissime tecniche che permettono di soddisfare questa necessità ma non tutte ci riescono senza rovinare il capello.

Vediamo insieme come interviene il Degradé Joelle per coprire i capelli bianchi.

Coprire i capelli bianchi con la tecnica del Degradé

La differenza con le altre tecniche di colorazione

Qual è il colore migliore per coprire i capelli bianchi?

Conclusioni

Coprire i capelli bianchi con la tecnica del Degradé

Andare a scurire è più facile che schiarire ma la gestione dei capelli bianchi è sempre complicata. 

Per risolvere il problema dei capelli bianchi la prima cosa da fare è “farci pace”, senza andarli a coprire a mo’ di vernice; è una battaglia persa perché più il capello bianco viene accostato a un colore scuro, più esso si evidenzia per lo scostamento stesso. 

I capelli bianchi possono diventare alleati quando si sceglie il colore adatto. La cliente che sceglie il biondo chiaro e magari anche freddo, permette di raggiungere risultati ottimali in diversi ambiti. 

Il Degradè Joelle ha l’obiettivo di valorizzare il capello naturale della cliente: i bianchi sono perfetti alleati di chi sceglie tonalità di biondo molto freddo, tendenti al grigio. La percentuale di bianchi deve essere alta e immettendo delle ciocche scure si ottiene l’effetto grigio. Più il grigio desiderato è chiaro e meno ciocche dovranno essere mantenute scure. Viceversa, se il grigio desiderato è più scuro, il numero di ciocche scure deve essere più alto.

Il bianco è un colore freddo, quindi sono sconsigliati anche i colori troppo caldi tipo i rossi. Meglio optare per le varie tonalità di biondo, oppure per i grigi, in questo modo è possibile farsi alleati i capelli bianchi lasciandoli anche scoperti nelle zone in cui le sfumature del Degradè si alternano al colore naturale. 

Capelli donna con Degradé grigio
Capelli con Degradé grigio
Le sfumature grigie, bianche e champagne partono dalla radice per ridurre l’effetto ricrescita

Come si coprono i bianchi?

La copertura dei capelli bianchi si ottiene grazie alla quantità di prodotto spinta con la punta del pennello sulla base. Il prodotto si scarica non dove si deve colorare ma dove inizia la sfumatura, generalmente a 4 cm. È necessario che il parrucchiere spinga bene con la punta del pennello finché non si è coperta bene la ciocca di pertinenza. Una volta coperta si deve scivolare con il pennello.     

Nella cornice frontale è invece importante fare le prese a vista. Per esempio quando si hanno i capelli bianchi si deve per forza prendere le ciocche già decolorate. Se si prendono quelle colorate con il Color Touch si crea un bel problema perché si va a sovraccaricare di colore.

La scelta della nuance di CT da usare è molto importante. Si deve prendere in considerazione il colore della base naturale dei capelli per coprire i bianchi. 

Se la cliente ha i capelli bianchi si deve scegliere il CT in base al colore delle lunghezze. 

La differenza con le altre tecniche di colorazione

La filosofia del Degradè è frutto di un ragionamento ben preciso. Il colore finale non è dato da colori miscelati tra di loro nelle ciotole ma da varie percentuali di capelli colorati in modo differente. Combinati sapientemente e con maestria fra di loro, danno un risultato eccellente.

Le altre tecniche di colorazione aggrediscono il capello con le sostanze chimiche e lo rovinano. Tingere i capelli troppo spesso significa non rispettare la salute della propria chioma.

I prodotti chimici a base di ammoniaca la priva di sostanze naturali necessarie al suo mantenimento.

Le colorazioni orizzontali ad esempio richiedono ad ogni intervento di coprire la ricrescita per salvare la base di colore. Avendo una durata limitata nel tempo richiedono frequenti passaggi in salone e un accanimento su capelli già fragili e danneggiati.

Anche per eseguire lo Shatush è spesso necessario prima creare una base uniforme di partenza, soprattutto proprio in presenza di capelli bianchi, colorando quindi integralmente il capello e creando la “base di colore”, per poi procedere all’applicazione del decolorante sulle lunghezze. Il risultato finale dello Shatush è ottenibile in due o più step e i capelli vengono quindi colorati più volte, alterando completamente il colore naturale della chioma. 

La forza del Degradé Joelle sta nel valorizzare il patrimonio naturale dei capelli della cliente, e quindi sì… anche i capelli bianchi.

Qual è il colore migliore per coprire i capelli bianchi?

Come abbiamo già visto, sfruttare le varie tonalità del biondo, preferibilmente fredde e perfino tendenti al grigio, è la soluzione ottimale per coprire o camuffare la presenza di capelli bianchi. In particolare, grazie alla colorazione verticale ottenuta grazie al Degradé è possibile ottenere un effetto del tutto naturale che non stravolge la chioma, ma ne valorizza l’essenza.

Schiarendo infatti le ciocche vicine a quelle naturalmente bianche è possibile creare della sfumature in grado di far apparire i capelli bianchi come la gradazione di biondo freddo o grigio desiderata, il tutto senza applicare il decolorante alla totalità della chioma, garantendo così la salute del capello.

Il Degradé permette di raggiungere risultati che richiamano gli effetti del sole sui capelli. Nello specifico, nel caso in cui si abbia la necessità di coprire i primi capelli bianchi, è possibile applicare alla radice una colorazione semipermanente e procedere con sfumature di varie tonalità sulle lunghezze. In questo modo nel momento in cui si ripresenterà la ricrescita lo stacco non sarà così netto da rendere necessaria l’immediata presenza in salone. Al contrario, nel caso in cui si renda necessaria una copertura maggiore, è possibile optare per una colorazione permanente alla radice, procedendo poi con le tradizionali sfumature che si accentueranno verso le punte.

Conclusioni

È chiaro quindi il diverso approccio che utilizza il Degradé Joelle per coprire i capelli bianchi. Se attraverso le altre tecniche si procede coprendo i capelli bianchi con una colorazione per poi applicare in un secondo tempo le sfumature, nel Degradé il tutto viene fatto simultaneamente, proprio perché non si utilizza una sovrapposizione ma un intreccio di colori.

Fondamentale è il fatto che non si creano stacchi di ricrescita netti. A differenza di Balayage, Shatush o colpi di sole, dove la ricrescita è visibile già dopo 15 – 20 giorni, con il Degradé le clienti possono stare tranquille per un minimo di 1 – 2 mesi prima di dover prenotare un nuovo appuntamento.

Se anche tu vuoi scoprire come coprire i tuoi capelli bianchi in modo naturale, vieni a trovarci in uno dei tanti saloni Centro Degradé Joelle presenti in tutta Italia. Ti aspettiamo!

© tutti i diritti riservati 2022