Taglio Punte Aria: tutti gli step per realizzarlo

B2B

Taglio Punte Aria: tutti gli step per realizzarlo

arrow-down

Il Taglio Punte Aria è un‘innovativa tecnica di taglio in verticale ideata da Centro Degradè Joelle.

Permette di ricreare il vuoto che esiste tra una ciocca lunga e l’altra, in modo da riprendere quell’effetto morbido e naturale che avrebbero i capelli senza l’intervento delle forbici.

Il problema dei tagli geometrici, soprattutto sui capelli lunghi, è che quando si va a tagliare in orizzontale si creano linee troppo nette e barrature, mentre con il Taglio Punte Aria l’effetto finale è molto più armonioso e naturale.

Il fatto di tagliare in verticale consente poi di dare leggerezza alla chioma e di versare i capelli, cioè di decidere dove mandare la ciocca, per ottenere l’effetto desiderato dalla cliente.

Questo è un grande vantaggio, sia per i capelli lunghi che per i capelli corti, che non è riscontrabile con un taglio tradizionale.

I gesti tecnici del Taglio Punte Aria: l’entrata e l’uscita

L’esecuzione del taglio si basa sulla realizzazione di due gesti ben precisi, l’entrata e l’uscita, che, in combinazione tra loro, consentono di ottenere qualsiasi tipo di risultato.

L’entrata si esegue con la forbice che si dirige verso la cliente, mentre l’uscita si esegue con la forbice che si dirige verso l’operatore.

Grazie a queste due mosse è possibile dirigere le ciocche nella direzione desiderata, ma non solo.

Con l’entrata e l’uscita è possibile togliere il volume, ravvivare il riccio, alimentare il riccio e, proprio perché la lama viene tenuta in diagonale, si riescono a togliere più doppie punte rispetto a quanto è possibile fare con un taglio tradizionale, tagliando di fatto molto meno.

La posa dell’operatore

La postura dell’operatore è un’altra caratteristica tipica del Taglio Punte Aria.

Se per eseguire un taglio tradizionale capita spesso che lo stylist debba piegarsi in avanti, nel realizzare il Taglio Punte Aria la postura deve essere sempre eretta, con una gamba davanti e una dietro.

Rimanendo in questa posizione, è sufficiente quindi muovere le braccia per eseguire il taglio, con la schiena che rimane sempre dritta.

Questo comporta una postura elegante, molto apprezzata dalle clienti, che non richiede di fare movimenti scomposti.

E’ anche un modo di lavorare molto più salutare per i parrucchieri, che scongiurano problemi e dolori alla schiena.

Questo tipo di postura consente inoltre di avere una visuale ottimale, senza alcuna necessità di piegarsi in avanti. L’unico movimento da fare è quello di rotazione intorno alla cliente.

Inoltre, è proprio questa postura che permette di compiere correttamente i movimenti di entrata e di uscita.

Le differenze tra il Taglio Punte Aria e le altre tecniche di taglio

Il Taglio Punte Aria stravolge tutte le regole del taglio geometrico e crea una concezione di styling completamente diversa da quella tradizionale.

Tecnicamente la differenza principale sta nella direzione che prendono le forbici: in orizzontale nel taglio geometrico e in verticale nel Taglio Punte Aria.

Il taglio geometrico si esegue prima dando la forma con le forbici e poi sfoltendo con rasoio o forbici dentate, mentre nel Taglio Punte Aria si lavora sulla singola ciocca.

Questo modo di procedere elimina completamente il problema delle linee nette e delle barrature causate dal taglio geometrico.

Oltre alle differenze tecniche, però, esiste però anche una differenza di approccio, che rende il Taglio Punte Aria un servizio unico nel suo genere.

Un servizio consulenziale e personalizzato

Il modo giusto per ottenere un taglio di cui la cliente sarà pienamente soddisfatta è quello di parlare con lei.

Può sembrare un’affermazione scontata ma è l’unico modo per capire realmente quali siano le sue esigenze e i suoi desideri.

Il taglio geometrico, però, ha caratteristiche standard e quindi spesso è difficile riuscire a realizzare alla perfezione l’idea della cliente.

Anzi, in certi casi il taglio geometrico porta il parrucchiere a fare proprio ciò che le clienti non vogliono.

Ad esempio spesso la cliente si presenta in salone chiedendo una scalatura, pensando che questo possa aiutarla a togliere volume ai capelli.

Eppure è proprio la scalatura che, con il taglio geometrico, causa l’aumento di volume e gonfia i capelli.

Il risultato è quindi un taglio che non rispecchia affatto i desideri della cliente.

Con il Taglio Punte Aria non esistono vincoli di alcun tipo.

Lo stylist ha tutti gli strumenti a disposizione per riprodurre esattamente il taglio che la cliente ha richiesto, spiegandole anche nel dettaglio quali saranno i movimenti che andrà a compiere per farlo.

Non il classico taglio basato su forme geometriche standard, ma uno completamente personalizzato e unico, creato appositamente per lei.

Da un punto di vista puramente estetico, l’effetto del Taglio Punte Aria è molto più naturale rispetto a quello del taglio geometrico.

Quest’ultimo spesso presenta troncature e barrature nette, che passano inosservate solo con una messa in piega perfetta.

La maggior parte delle donne, però, non può permettersi di lavare sempre i capelli dal parrucchiere.

Il vero valore aggiunto del taglio deve essere quello di essere perfettamente gestibile anche a casa.

Il Taglio Punte Aria è studiato proprio per questo: l’obiettivo non è una resa perfetta in salone, che è quasi scontata con una messa in piega professionale, ma è la totale gestibilità del taglio a casa, che è ciò che fa davvero apprezzare il lavoro dello stylist.

Grazie al Taglio Punte Aria moltissime donne hanno dimenticato la paura delle forbici e indossano finalmente un taglio personalizzato, che le valorizza e la cui bellezza dura a lungo nel tempo.